Progetto FAI: il cortile di San Cosimato

Il cortile davanti la chiesa di San Cosimato, ad oggi conosciuto da pochi trasteverini, crediamo abbia delle grandi potenzialità inespresse e possa trasformarsi in un luogo salutare a favore di tutto il Rione: arte, storia e bellezza floreale potrebbero essere elementi di integrazione sociale rigenerativa.  

OBIETTIVO

Valorizzare il cortile, trasformandolo in una “oasi” di pace rigenerante e fonte di stimoli culturali e artistici per diverse fasce di utenti.

RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE

Trastevere Attiva ha inserito il progetto di riqualificazione dello spazio verde del cortile nel bando del FAI “I luoghi del cuore” 2020: abbiamo bisogno di tanti voti affinchè il progetto entri nella graduatoria finale per la selezione.

INDICAZIONI PER VOTARE ON-LINE

SE SEI GIA’ REGISTRATO al FAI

  1. vai sul sito www.iluoghidelcuore.it
  2. digita CORTILE DI SAN COSIMATO in “cerca un luogo”
  3. clicca su “vota con 1 clic”

SE NON SEI ANCORA REGISTRATO segui le indicazioni per la registrazione GRATUITA che non comporta nessun tipo di abbonamento, NON SERVE ISCRIVERSI al FAI:

  1. vai sul sito www.iluoghidelcuore.it
  2. clicca su “accedi” in altro a destra
  3. registrati con nome e mail, poi conferma dalla mail di risposta
  4. torna a “I Luoghi del cuore”, CORTILE DI SAN COSIMATO e clicca su “vota con 1 clic”
  5. autorizza accesso account per convalidare il tuo voto!!!

 

Oltre alla riqualificazione del verde, il progetto comprende la creazione di alcune bacheche espositive removibili, l’installazione di nuove panchine, la creazione di un piccolo orto didattico fruibile anche da portatori di handicap, una palina con descrizione storica del luogo, una bacheca per la calendarizzazione di eventi pubblici e laboratori creativi per favorire l’integrazione sociale e il benessere psicofisico, gratuiti e aperti a tutti:

  • Esposizioni d’arte
  • Mostre fotografiche
  • Concerti di musica classica con Résonnance Italia
  • Letture teatrali con Teatro Trastevere e Teatro Argot
  • Giornate del “movimento creativo” (ginnastica dolce) con la UISP Sport per tutti
  • Laboratori con le scuole del territorio
  • Laboratori creativi di artigianato con i bambini, per imparare a realizzare un oggetto artigianale con la collaborazione professionale e la maestria dell’Associazione culturale artistica “Prendi l’arte” degli P.I. (Creatori di Opere del Proprio Ingegno)
  • Laboratori di acquarello con gli anziani in collaborazione con il CAT – Centro Anziani Trastevere
  • Giornate di giardinaggio, per curare l’orto didattico includendo attivamente anche i portatori di handicap
  • ecc.

UN PO’ DI STORIA

In origine cortile faceva parte di un antico monastero: da un documento del “Regesto Farfense” sappiamo che fu fondato dal nobile romano Benedetto Campagna intorno al 950 d.C. seguendo la regola benedettina. Il monastero fu intitolato ai Santi Cosma e Damiano da cui derivò il nome “Cosimato”, ma era anche noto con l’appellativo “in mica aurea” nome forse derivato dalle vicine spiagge del Tevere coperte di rena giallastra. Passò poi alle Clarisse, finché nel 1891 il Comune di Roma lo requisì per farne un ospizio per anziani; nel 1960 divenne ospedale con il nome di Nuovo Regina Margherita, progettato negli anni Sessanta dall’architetto Alegiani e dall’ingegnere Secchi, inaugurato nel 1970 e tuttora in funzione.

Oggi l’unico segno della presenza dell’antico monastero sull’omonima piazza di S. Cosimato è il grazioso protiro d’ingresso, sostenuto da due colonne e con una sopraelevazione del XII secolo che un tempo permetteva l’accesso al complesso monastico.